Il futuro si inizia a scrivere sui banchi di scuola

Asrama è il cuore di un cantone nella foresta tropicale. Intorno a questo villaggio ne gravitano altri 47, tutti abitati da agricoltori e piccoli artigiani. Qui la vita trascorre tra gesti semplici e quotidiani. L’area geografica dell’Africa subsahariana, notoriamente, è poverissima: ogni cambiamento presuppone una formazione scolastica che, purtroppo, non è garantita a tutti i livelli.

La situazione attuale

Nel corso degli anni abbiamo constatato come l’attuale struttura del liceo non sia idonea. Molte aule, al momento, sono inagibili a causa di gravi problemi strutturali che le rendono pericolanti. Gli studenti, oltretutto, lo raggiungono a piedi da tutti i villaggi del cantone, quindi alcuni di loro si trovano a dover percorrere molti chilometri ogni giorno. Le numerose difficoltà riscontrate non sono limitate ai trasporti, considerato che i genitori sono perlopiù agricoltori con un reddito mensile famigliare stimato intorno ai 32.800 Franchi CFA (50€).

Gli obiettivi del progetto

L’innovazione non può prescindere dalla tradizione, pertanto sarà riqualificata l’attuale area destinata al liceo e non ne sarà predisposta una ex novo. L’obiettivo che perseguiremo – in sinergia con i collaboratori locali – sarà quello di offrire a 500 studenti di età compresa tra i 12 e i 19 anni una scuola più ampia: quattro plessi composti da tre aule ciascunoL’edificio, attualmente, è di proprietà dello Stato, ma viene gestito a livello locale dal responsabile del cantone.

Alle attività scolastiche in programma saranno poi abbinate iniziative di aggregazione di carattere ludico e sportivo. Non si accederà ai soli programmi di alfabetizzazione tradizionale, ma si potrà prendere parte a corsi di formazione professionale per imparare i mestieri più vari. Una volta avviato il progetto, infatti, la scuola potrà considerarsi a tutti gli effetti un centro culturale, ma anche un volano economico per le piccole realtà commerciali della zona.

Il corpo docenti

La scuola viene gestita da un direttore e da 12 insegnanti retribuiti dallo Stato, altri 14 insegnanti vengono retribuiti grazie a fondi provenienti dalle piccole rette pagate dalle famiglie degli allievi. La professionalità dei docenti non viene adeguatamente valorizzata: gli insegnanti, generalmente, sono costretti ad acquistare i libri personalmente, anche se sempre più spesso fanno riferimento alla biblioteca.

I lavori in corso

Per la ristrutturazione e l’impianto, il progetto prevede il lavoro di professionisti locali, manovali e artigiani. Questo per incentivare motivazione nella popolazione con il conseguente coinvolgimento nel progetto stesso.

Saranno valorizzate anche la cultura e le tradizioni locali, potenziando le  professionalità mediante corsi di formazione e laboratori di musica, danza, teatro, cucito e tanto altro.

La spesa complessiva dei lavori sarà di 100.000 euro

Aiutaci a sostenere le spese con una donazione, un mattone per il futuro.

Fai la tua donazione ora

Choose currency

Enter amount

Altrimenti puoi effettuare un bonifico sul nostro C/C bancario

Intestazione: TENGO AL TOGO
IBAN: IT43V0306967684510749157510

Cifra raccolta ad oggi: 23.000,00 €

Ultimo aggiornamento 30 giugno 2020